L’Aquila, arriva l’ordinanza di risparmio idrico

Arriva anche a L’Aquila arriva il razionamento dell’acqua a causa della siccità: il sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi ha sottoscritto un’ordinanza relativa al risparmio idrico.

“L’andamento della stagione attuale, – recita il documento in premessa – caratterizzato da temperature più alte della media e da particolare siccità, sta provocando difficoltà di approvvigionamento idrico”.

Richiamandosi al corretto uso delle risorse l’ordinanza dispone, pertanto, con effetto immediato e per la durata di 90 giorni, su tutto il territorio comunale, “un utilizzo limitato, responsabile e razionale dell’acqua potabile, con conseguente divieto di prelevarla per innaffiature di aiuole, orti, giardini e campi agricoli nonché per il lavaggio di autovetture e per la pulizia di strade, riempimento di vasche e piscine private e, in generale, ogni utilizzo diverso dalle normali necessità domestiche e produttive”.

Il documento invita la cittadinanza a controllare il corretto funzionamento dei propri impianti, al fine di individuare eventuali perdite, a fornirsi di dispositivi per il risparmio idrico e a utilizzare attrezzature e sistemi per l’irrigazione del verde temporizzati, che non prelevino acqua potabile e dotati di sistema di annaffiatura a goccia.

La mancata osservazione delle disposizioni contenute nel provvedimento comporta l’applicazione di sanzioni da 25 a 500 euro.

 

L’ordinanza è pubblicata sul portale istituzionale del Comune dell’Aquila, all’indirizzo web www.comune.laquila.it, nella sezione Provvedimenti/Provvedimenti dell’organo di indirizzo politico dell’area Amministrazione trasparente.

fonte